SIMONE D’ANGELO: DAL CALCIO ALLA MODA, PER IL GIOVANE DI TERAMO

By  |  0 Comments

SIMONE D’ANGELO È UNO DEI MODELLI PIÙ IN VOGA DEL MOMENTO. ERA UN PROMETTETE CALCIATORE, POI LA SUA VITA È STATA DEDICATA ALLE PASSERELLE E AI SERVIZI FOTOGRAFICI

La bellezza non è sempre un vantaggio per i rapporti umani, però si deve sopravvivere ugualmente. Simone D’Angelo, modello italiano, di Teramo, 26 anni, fisico statuario, alto 1.86, che nella vita avrebbe voluto fare il calciatore ma che poi, varie ragioni, ha virato sul mondo delle passerelle. Noi di Bollicine Vip lo abbiamo incontrato.

Simone come hai cominciato a fare il modello?

Tutto è iniziato per gioco, grazie al parrucchiere della mia città (Alessio Andreone), dove andavo quando ero più piccolo. Sapevo che lui lavorava negli eventi delle zone come hairstylist e gli chiesi se poteva farmi conoscere l’organizzatore. Incominciai a fare le prime sfilate in Regione (Arbuzzo), i primi shooting e da lì a qualche anno dopo, addirittura, grazie a facebook, trovai uno scouter che mi propose su Milano a delle agenzie che trattavano la moda come lavoro vero e proprio.

Che cosa ti affascina di questa professione?

L’idea di essere il volto scelto da un’azienda per vendere il proprio prodotto. Questa frase non deve essere letta dal punto di vista economico, bensì da un punto di vista di semplice immagine. “Il tuo volto rispecchia lo stile dell’azienda per questo ti hanno scelto”. Sapendo che ci sono brand con più di 50 anni di storia, che mi potrebbero scegliere per mandare avanti la tradizione o modernizzare la propria comunicazione visiva, mi fa solo riempire d’orgoglio.

Un tempo gli indossatori guadagnavano tanto, è ancora così?

A essere onesto non so quanto guadagnassero gli indossatori di un tempo, so per certo però che rispetto a 4 anni fa quando per lavoro decisi di salire a Milano, i budget attuali sono più bassi. Comunque si guadagna bene in ogni caso, ovviamente ci sono dei periodi dove si lavora di più e periodi dove si lavora meno. I cachet variano in base alla tipologia di lavoro e alla tipologia di modello.

Al di là del mondo della moda, non hai mai avuto altre ambizioni?

Quando ero più piccolo volevo fare il calciatore, poi con il crescere ho capito che il calcio giocato non sarebbe stata la mia strada e l’inizio dell’università non ha di certo aiutato. Vorrei dare un piccolo consiglio a chi pensa che determinati sport se non vengono fatti ad alti livelli non ha senso praticarli… lo sport mi ha insegnato tanto, lo vedo soprattutto nella vita di tutti giorni. Certi valori non li apprendi in tutti gli ambiti. Se avete la passione continuate a praticarlo, anche se la categoria che vi compete non è di alto livello, mente e corpo vi ringrazieranno.

 Quanto la tua bellezza nella vita ti è stata utile, e quanto invece ti ha ostacolato?

Ad oggi solo per entrare nelle agenzie di moda e lavorare come modello. Può avermi ostacolato in qualche rapporto umano, però ho sempre dato poca importanza a determinate situazioni perché penso che ognuno di noi in un ambito è più bravo o meno di qualcun altro; sta tutto nel saper scegliere qual è la strada più giusta.

Il tuo motto…

“E’ difficile ma non impossibile”. Credo molto nei sogni e le esperienze che ho fatto fin’ora hanno rafforzato questo credo; negli ultimi mesi, il destino mi ha regalato diverse emozioni.

Che rapporto hai con il tuo corpo? Cosa fai per mantenerlo in forma?

Mi alleno 5 o 6 volte a settimana, in palestra, al parco altrimenti a casa. Trovo sempre un modo per farlo. Nell’ultimo anno ho cambiato tipologia di allenamento, ho accantonato un po’ i pesi e mi sono concentrato più sul corpo libero. Vorrei fare più sport, con amici qualche volta abbiamo organizzato partite di calcetto e beach volley. Però purtroppo non sempre gli orari coincidono e il tempo scarseggia. Ho sempre voluto provare qualche sport da combattimento, forse a settembre sarà il momento giusto per iniziarne uno, devo decidere quale.

Se non avessi fatto il modello, chi sarebbe oggi Simone D’Angelo?

Semplicemente uno studente che fa sport e che si sta per laureare in scienze motorie. Non so, la moda insieme allo sport è la mia passione magari sarei entrato in questo mondo in un altro ruolo. 

ANDREA IANNUZZI

 

 

 

 

Spread the love

You must be logged in to post a comment Login

BOLLICINE VIP