TELEVISIONE NOSTALGIA: IN TV TORNANO I PROGRAMMI MITO DEL PASSATO

By  |  0 Comments

TELEVISIONE NOSTALGIA: TUTTE LE RETI, A PARTIRE DA CANALE 5, NEL 2019 HANNO IN PALINSESTO IL RITORNO DEI PROGRAMMI CHE TRA GLI ANNI ’90 E GLI ANNI 2000 HANNO FATTO IL BOOM SUL PICCOLO SCHERMO. POCHE IDEE PER IL FUTURO?

La tv italiana, per chi non lo sapesse, è da decenni che non vive più di luce propria. Tolta qualche rara eccezione. Televisione nostalgia perché? Perché il nostro piccolo schermo, che per almeno 40 anni era un orgoglio e un esempio per tutti gli altri Paesi, si è trasformata nel ricettacolo di tutti i format provenienti dall’estero.

IL MIP TV DI CANNES, IL PIU’ GRANDE FESTIVAL/MERCATO DI PROGRAMMI TELEVISIVI AL MONDO

Oggi non se ne parla più, ma 15 anni fa, quando ancora i giornali facevano il loro mestiere (e vendevano per questo), si parlava di Paesi campione. Cosa erano/sono? Diciamo che ci sono alcune nazioni, fra queste l’America, l’Australia, la Spagna, l’Olanda, che vengono considerate simili all’Italia nei gusti e nelle scelte di programmazione tv.

Per cui ogni direttore di rete, che fosse Rai o Mediaset, prima di decidere se puntare alla produzione di un format o meno, andava a guardare il gradimento degli spettatori stranieri. E se il programma aveva ottenuto un gran riscontro, allora era fattibile farlo anche in Italia.

LO STORICO CAST DELLA SOAP “BEAUTIFUL”

Io personalmente ho avuto l’onore di poter lavorare tra il 2004 e il 2006 con Mario Maffucci, storico capo struttura di Raiuno e poi vice direttore, con il quale ho scritto alcune idee di programma (come giustamente le definiva lui), per la televisione rumena. Che dall’Italia compra il 70& del proprio palinsesto.

E lui, saggiamente, mi diceva che ci eravamo imbattuti in un’epoca in cui non si osava più. Nessun autore poteva essere ideatore di una trasmissione, perché tutto quello che veniva masticato era già stato a sua volta masticato dai “cugini” spagnoli, americani o portoghesi.

IL GRANDE MARIO MAFFUCCI (A DESTRA) CON DANIELE PIOMBI

Con l’approdo del digitale terrestre, e quindi la sperimentazione di decine di canali nuovi, l’Italia ha ricominciato a inventare la propria tv. Ma le generaliste (Rai, Mediaset, La7), che non riescono a svecchiare la propria offerta (di qui si capisce la fuga di giovani e di giovanissimi dalla platea tv), sono “costrette” a ripiegare sugli stessi programmi e sulle stesse idee.

Ecco perché tutte le trasmissioni della De Filippi sono intoccabili. Ecco perché esistono ancora Forum, Uno Mattina, La Prova del Cuoco, Porta a Porta, Domenica In (il più longevo) e così via. E se il Grande Fratello Vip, che sta risalendo a fatica negli ascolti, è distante da quei 8 – 10 milioni di persone a puntata degli esordi, o Pechino Express comincia a risentire la stanchezza di un format che dovrebbe rispolverarsi nella formula, per i talent continua il successo di pubblico.

CORRADO CONDUCE NEGLI ANNI ’70 “DOMENICA IN” SU RAIUNO

Talent anche questi, in molti casi, di antica manifattura. Come Amici, per esempio. Che ha più anni dell’Altare della Patria. Eppure continua a macinare numeri da capogiro. E allora cosa fanno le televisioni? Ripescano dal cilindro i vecchi conigli macellati da tempo.

La Pupa e il Secchione, è uno di questi. Ma torneranno anche Music Farm (dalla Rai a Mediaset), La Talpa e probabilmente anche i Telegatti (già annunciati per ottobre, ma posticipati a maggio 2019). Abbiamo nostalgia del passato, è vero. Meglio l’usato sicuro, per la aziende televisive, che non fanno i conti con una realtà che dilaga: i giovani in fuga, sono “gli anziani” del domani. E se li perdi oggi, li hai persi per sempre.

Forse occorrerebbe azzardare programmi più moderni, a discapito dell’ascolto momentaneo, ma certamente più capaci di attrarre i telespettatori del futuro.

ANDREA IANNUZZI

Spread the love

You must be logged in to post a comment Login

BOLLICINE VIP