ROCCO SIFFREDI: FLOP ANNUNCIATO PER IL SUO MONOLOGO A TEATRO

By  |  0 Comments

ROCCO SIFFREDI DEBUTA CON “L’ULTIMO SAMURAI”. TRA IL TIMORE DI MOLTI GESTORI DI TEATRO, E LE ASPETTATIVE HARD DI CHI VORREBBE ANDARE A VEDERLO, SI CONFIGURA L’IMMAGINE DI UN MITO CHE SI È SMONTATO 

Rocco Siffredi sembra quasi pentirsi della sua carriera di pornoattore. In questi giorni, in vista di uno spettacolo teatrale con il flop annunciato, intitolato L’ultimo Samurai, ha raccontato i timori per la possibile assenza di pubblico.

D’altronde lo show è tutt’altro che trasgressivo, si tratta della narrazione della vita di questo giovane italiano che a soli 20 anni diventa una stella del cinema a luci rosse. E i suoi timori, ci stanno tutti. Poiché quando per tutta la vita hai fatto l’attore hard, dei racconti intellettuali sul tuo passato, giustamente, frega poco a nessuno.

Rocco Tano, in arte Siffredi, che per anni ha mantenuto alta la soglia di attenzione nei suoi confronti, vantandosi di aver avuto 6000 donne, oggi piagnuccola da povera vittima incompresa, per il fatto che nessuno (o pochi compassionevoli spettatori) andrà a vedere il suo monologo.

La domanda che mi faccio è: ma cosa ti aspettavi? Hai avuto une grande occasione di riscatto con L’Isola dei Famosi, dove dapprima ne sei uscito malissimo, perché altro non hai fatto che interpretare il tuo personaggio (a volte anche in maniera più che trash), smutandandoti di continuo.

Poi sei passato da buon samaritano (altro che samurai), facendoci credere che non avresti fatto più l’attore porno, anche in rispetto alla tua famiglia. Cos’hai fatto appena rientrato dall’Honduras? Sei tornato sui set a luci rosse. Con orgoglio pure.

Per cui, caro Rocco Siffredi, benchè tutti sappiano che è arrivata l’ora di appendere …. al chiodo (si intendo quello) per raggiunti limiti di età, non te la prendere con gli italiani, dando loro dei bacchettoni, retrogadi, moralisti, che non sanno guardare mai oltre… Perché sono gli stessi italiani che fino poco tempo fa hanno contribuito ad arricchire le tue finanze, fruendo delle tue videocassette vietate ai minori.

E se parliamo di solitudine, diciamoci le cose come stanno: adesso che non sei più l’attore hard che tutti idoltravano, perché hai ceduto al fascino della popolarità mass market, mostrando che oltre alle sue avvenenze fisiche c’era altro, hai solo scoperto che essendoti venduto per anni come l’uomo immagine da tombeur de famme, di cosa c’è di altro (se c’è) non interessa a nessuno.

 

ANDREA IANNUZZI

Spread the love

You must be logged in to post a comment Login

BOLLICINE VIP