Jessica Alves: sogno un amore italiano ma c’è troppo pregiudizio!

By  |  0 Comments

Oltre 90 interventi, per il costo complessivo di circa 1 milione di sterline, questi i numeri che caratterizzano la metamorfosi di Jessica Alves.

Due anni di transizione per diventare donna, un secondo intervento alla vagina per permetterle di avere rapporti sessuali soddisfacenti. Ora Jessica Alves ama il proprio corpo ma… ammette che non è semplice trovare un uomo che l’ami e condivida il suo stesso sogno di formare una famiglia!

Lo scorso 22 agosto, Jessica Alves ha “cambiato pelle” definitivamente. Ha, infatti, completato la sua trasformazione. Il Ken umano ha ceduto il passo a Barbie. Per farlo, si è sottoposta a oltre 90 interventi, per il costo complessivo di circa 1 milione di sterline. Una somma stratosferica che però è si è declinata in un investimento vitale perché ha portato Jessica a sentirsi finalmente a suo agio nel nuovo corpo. Il suo corpo! Questa la dichiarazione: «Dopo tanti interventi di chirurgia plastica, ho raggiunto il mio obiettivo e quindi somiglio a Barbie, proprio come volevo. Penso di avere un bell’aspetto, mi sento bene e quando mi sveglio e mi guardo allo specchio ringrazio Dio».

COSTRETTA A TORNARE DAL CHIRURGO

Non sono mancati problemi “fisici” lungo la tortuosa strada per avverare il sogno. Jessica Alves ha iniziato la transizione che da Ken l’ha portata a trasformarsi in Barbie nel 2020, quando ha deciso di andare in Thailandia, Dopo due anni, la 39enne è stata costretta a tornare dal chirurgo che l’aveva operata, per fare una modifica alla vagina. L’organo genitale creato con il bisturi “non era abbastanza profondo”, Questo la portava ad avere difficoltà nei rapporti sessuali. «Adesso posso avere un rapporto sessuale con un pene di 24 centimetri», dichiara Jessica.

JESSICA ALVES E LE EMOZIONI DI UN RAPPORTO

Lasciando da parte il fattore anatomico della sua vagina, a livello personale, più intimo, Jessica Alves confida: «dopo l’intervento ho voluto fare esperienze sessuali diverse e provare peni grandi e piccoli, di ogni colore. L’esperienza migliore però – ammette – l’ha avuta con un ragazzo siciliano con lui ha “avuto sei orgasmi. Io non so cosa una donna biologica sente, ma io quando un orgasmo arriva sento come se una cosa molto grande stia provando ad uscire dal mio corpo, però non esce nulla se non l’emozione».

LA VITA LE HA REGALATO UN’ALTRA POSSIBILITÀ

Cosa ha portato Jessica Alves a voler diventare donna? «Ero stanca di essere quella persona (Ken, ndr), io volto essere Jessica, Dio è stato molto buono con me. Durante tutto il processo di decisione e di cambiamento è sempre stato con me». E al pensiero di come sarebbe stata la sua vita se fosse nata subito donna, fa una riflessione importante: «Sì, sarebbe stata più facile la vita, ma beata me che ho avuto due vite: una vita da maschio e adesso una vita da donna. La vita mi ha regalato un’altra possibilità. Una rinascita. Essere donna è una cosa bella, è molto romantica, mi piace tutto: i capelli, i trucchi, il profumo, i vestiti. Io ho imparato a conoscere il mio corpo». 

RIFAREBBE TUTTO!

Forte di questa consapevolezza aggiunge: «Se avessi una macchina del tempo la distruggerei, perché la mia felicità non ha prezzo». Insomma, Jessica Alves non si pente di nessuna scelta fatta e, nonostante l’esperienza sia stata caratterizzata anche da tanto dolore e difficoltà, rifarebbe tutto, di nuovo, forte proprio del “senno del poi”.

UN SOGNO CHE SI SCONTRA CON IL PREGIUDIZIO

Questo, ovviamente, non significa che la vita di Jessica Alves sia ora perfetta… La sua metamorfosi, che coincide con una vera e propria rinascita personale, non va (purtroppo) di pari passo con la serenità altrettanto agognata per quanto riguarda la sfera sentimentale. Barbie è infatti alla ricerca di un uomo (non le dispiacerebbe fosse italiano) con il quale progettare una famiglia. Un sogno che si scontra però con il pregiudizio! «Avevo incontrato un ragazzo inglese molto intelligente e educato, avevo pensato di aver trovato l’uomo della mia vita. Ma poi lui stava guardando i giornali e mi ha chiamato e mi ha detto che si è sentito ingannato, che io non gli avevo detto niente. ‘Io non sono mai stato con un uomo’ mi ha detto. Ma io sono donna, non sono transessuale. Non so perché lui ha reagito così».

VUOLE SOLO ESSERE FELICE

«Quel ragazzo non è stato l’unico – sottolinea Jessica Alvese questo mi fa male, io voglio solo essere felice. L’amore fa male, ho imparato a dimenticare il sentimento dell’amore». La Barbie umana racconta anche di una relazione finita per il parere contrario delle persone che ruotavano intorno al compagno: «La sua famiglia, gli amici e anche per il suo lavoro lui non poteva stare con me. La sua famiglia gli diceva che non poteva avere una relazione con me».

VUOLE CAMMINARE MANO NELLA MANO CON IL SUO UOMO

«Io desidero camminare mano nella mano, vorrei adottare un bambino o una bambina, vorrei avere un fidanzato, una famiglia mia, voglio una persona che mi bacia, mi abbraccia, che mi prende per mano». E Jessica Alves svela perché se mai trovasse un amore italiano tutto sarebbe ancor più perfetto! «Perché sono più caldi e baciano bene e poi sono bravi a letto. Io cerco un uomo che ha voglia di me, un uomo che mi protegge». Jessica, insomma, vuole proprio una storia d’amore, stabile ed esclusiva, non concepisce né il tradimento né una “relazione aperta”. Dunque… nessuna trasgressione è contemplata come molti, invece, sono erroneamente portati a pensare. Jessica vuole un sentimento unico e vero, esattamente come lei! L’augurio che le facciamo è che arrivi presto!

Leggi anche: Chiara Ferragni lascia i social. Un video motiva la decisione

A cura di Laura Farnesi

Una vita piena di bollicine a tutti

Spread the love
BOLLICINE VIP