INTERVISTA A MORENA MARANGI

By  |  0 Comments

MORENA MARANGIINTERVISTA A MORENA MARANGI

Spogliarsi nudi non significa solo mostrare il proprio corpo come mamma l’ha fatto, ma può anche voler dire mettere in mostra la propria personalità. Ne è convinta Morena Marangi, di Termoli, celebre cantante e vocalist internazionale, che di recente è stata una delle protagoniste de “L’Isola di Adamo ed Eva”, reality show in onda su Discovery, i cui protagonisti erano rigorosamente senza vestiti addosso. Conosciamo meglio questa giovane artista, molto bella e simpatica, che ci racconta come la nudità possa essere un antidoto ai propri difetti caratteriali.

Morena sei molto conosciuta come cantante e vocalist dei migliori locali italiani e stranieri. Come mai hai deciso di intraprendere queste attività, e che soddisfazioni ti hanno portato?

Ho iniziato a far musica quando ero piccolina. All’età di 14 anni già cantavo nelle feste di piazza e nei piano-bar. Quando ho raggiunto la maggior età, mi sono trasferita a Roma e ho frequentato l’accademia di Gigi Proietti. E’ da li che è cominciata la mia avventura nel mondo dello spettacolo e della Tv, perché  fui notata da Pier Francesco Pingitore, che mi volle nel mitico Bagaglino su Canale 5. Ci ho lavorato due anni. Successivamente mi sono trasferita a Londra e il mio modo di cantare ha subito influenze più americane: l’elettronica, disco house o commerciale. Il mio stile musicale, va detto, si avvicina molto a quello statunitense: sono di razza bianca ma ho una voce che ricorda le grandi artiste di colore a stelle e strisce. Per questo poi è arrivato lo sbocco lavorativo nei locali. Ho lavorato in quelli più celebri in Italia, e in Europa, a partire dal Privilege di Ibiza in cui hanno suonato solo Madonna, i Queen e altre stelle canore del loro calibro.

MORENA MARANGIHai già inciso qualcosa di tuo o interpreti solo cover?

Attualmente ho cantato solo cover, ma tra un mese e mezzo uscirà un prodotto tutto mio, un disco con cinque brani all’interno, inedito, che vede la collaborazione della Level Up di Danilo Maiorino, e quella degli Smooth. Loro sono i produttori anche di Cristian Marchi e di alcuni pezzi di Bob Sinclair. Questa mia prima incisione sarà presentata la prossima estate al Pacha di Ibiza, durante il Flower Power.

Sei stata una delle protagoniste de “L’isola di Adamo ed Eva”, dove tutti i concorrenti per regolamento erano rigorosamente nudi. Che ci racconti di questa esperienza?

E’ stato un’esperimento. Per mettere a nudo non solo il mio corpo, quello lo potevo fare in qualsiasi spiaggia nudista, ma anche la mia personalità. Chi non mi conosce, all’inizio può pensare di me come a una persona antipatica. In realtà quando poi mi apro, allora si capisce che sono sanguigna, genuina, altruista. Tutti questi aspetti sono venuti fuori all’Isola di Adamo ed Eva, perché alla fine in quel contesto due individui si incontrano senza le sovrastrutture degli abiti, dei costumi e degli usi della vita quotidiana, e devono vivere come la natura comanda. Per cui traspare quello che sei veramente. Ovvio che in un reality di questa portata se tu hai carattere, se hai grinta e hai qualcosa da dire, affronti l’esperienza con la giusta spontaneità. Se invece sei vuoto, ti annoi tu e fai annoiare anche gli altri.

C’è stato un momento, magari mentre stavi giungendo nella location nudista, in cui hai pensato: non ce la faccio, torno indietro?

Sicuro, è capitato all’inizio, mentre stavo arrivando sull’Isola. Ho visto l’altra Eva, quella che avrebbe partecipato con me alla puntata, con un fisico molto prosperoso ma con qualche “aggiustatina” qua e la. Una bellissima ragazza, niente da dire. Io di rifatto non ho nulla, per cui mi sono presentata così, nature. Devo ammettere che ho avuto un piccolo cedimento quando l’ho incontrata, perché difronte a un’oggettiva femmina più bella di me ho esitato un attimo, volevo scappare, e ho avuto anche una crisi di pianto. Poi tutto è passato, grazie alla mia autocritica  mi sono goduta la mia Isola. 

MORENA MARANGIRaccontaci la verità, una volta dinanzi ai protagonisti uomini, mai fatto un pensierino ambiguo?

Ma vi dirò (intanto ride ndr), mi aspettavo tutt’altro Adamo. Diciamo che io sono attratta dagli uomini più grandi di me, molto virili, che mi devono trascinare, corteggiare, saper prendere. Lui era una persona molto dolce, con un carattere vero, cosa che ho parecchio apprezzato. Ma ahimè non era questo grande maschio italiano. Un bel ragazzo si, però piccolo rispetto a me. Diciamo che anche “lestremità” non era particolarmente generosa (ride ancora ndr). Poi è vero che fra me e lui è scoppiata una forte passione, in realtà sono io ad averla stimolata perché quando ci siamo ritrovati nudi sotto le coperte, mi stavo annoiando. E credo di aver fatto divertire molto il pubblico a casa. 

Che effetto ha avuto partecipare a questo programma nella tua vita di tutti i giorni? In famiglia cosa ti hanno detto, e i tuoi amici?

Subito dopo la puntata, ho ricevuto moltissimi messaggi di complimenti. Per come sono stata spontanea, genuina. Probabilmente molte donne si sono riviste nel mio comportamento. Parliamo di donne normali, sposate, con figli. Sono stata sincera, in tutto quello che ho detto e ho fatto, e questo è stato apprezzato sia dalla mia famiglia, sia dalle persone che mi circondano. 

E cosa ci dici di Vladimir Luxuria, con lei che tipo di rapporto hai instaurato?

Vladimir è fantastica. Essendo lei trans, ha molti aspetti sia della donna sia dell’uomo, e per me questa è una caratteristica intrigante, molto curiosa. Lei mi ha dato una grande forza, visto che appena sono arrivata nel programma ero intimorita. Quando invece sul pontile (dove avvenivano le presentazioni ndr) mi ha stretto la mano, ho sentito energia. Ci sono persone speciali al mondo, che trasmettono questa energia. Te ne accorgi solo quando ce le hai di fronte. Lei è una di loro. 

Cosa ti rimarrà di questa esperienza?

L’essere più sicura di me, anche fisicamente. Nonostante, permettetemi di dirlo, l’aspetto fisico non sia tutto nella vita. Altrimenti avrebbe vinto l’altra Eva, e invece ho vinto io. Poi cosa che mi è rimasto ancora  è il contatto con la natura. Infine spero che questo programma possa darmi visibilità, e magari chi lo sa, presentarla io un’Isola, oppure partecipare a “L’Isola dei Famosi”.

Spread the love

You must be logged in to post a comment Login

BOLLICINE VIP