ADDOMINOPLASTICA: I CONSIGLI DI GIACOMO URTIS

By  |  0 Comments

I CONSIGLI DI GIACOMO URTIS: ADDOMINOPLASTICA

L’Addominoplastica è l’intervento di chirurgia plastica per la rimozione del tessuto adiposo in eccesso e delle pieghe cutanee nella parte centrale e bassa dell’addome. L’obiettivo dell’addominoplastica è non tanto di riduzione del peso, quanto di tendere la parete addominale e migliorare l’aspetto di un addome prominente.

Un addome flaccido, pendulo e variabilmente adiposo è spesso conseguenza di un dimagrimento importante e repentino, di gravidanze o, più banalmente, di uno scorretto stile di vita, sedentarietà e forza di gravità.

COME AVVIENE L’INTERVENTO PER RIFARE L’ADDOME?

La procedura consiste nell’asportazione della cute in eccesso e nel rassodamento dell’addome, mediante riposizionamento delle fasce muscolari. La dieta e l’esercizio fisico da soli non possono produrre tale risultato, poiché questa situazione è spesso accompagnata dall’allontanamento dei muscoli addominali fra loro e dall’indebolimento della parete addominale stessa.

Il rassodamento chirurgico passa attraverso due vie: quella tradizionale (Dermolipectomia addominale) e quella più innovativa (lifting microchirurgico dell’addome o mini-Addominoplastica).

COME AVVIENE L’INTERVENTO DI CHIRURGIA ESTETICA DELL’ADDOME?

Il rimodellamento dell’addome eseguito attraverso la Dermolipectomia addominale richiede un’incisione che dal pube arriva alle spine iliache, ed un’altra nascosta nell’ombelico tale da risultare invisibile, e quindi uno scollamento cutaneo di tutta la regione addominale. Da qui si passa all’asportazione della cute in eccesso, all’avvicinamento delle fasce muscolari, al riposizionamento dell’ombelico. Questa procedura può essere o meno associata ad aspirazione del grasso in eccesso nella zona fianchi/ventre (cosiddette “pancia e maniglie dell’amore”).

Per un buon rimodellamento dei fianchi, in fase di avvicinamento, sulla linea mediana, dei muscoli retti, vengono ripresi, se è il caso anche i muscoli obliqui. Nei casi di asportazioni molto estese, l’intervento è praticato in anestesia generale. La Dermolipectomia addominale lascia un’unica incisione, sottile ed orizzontale, appena sopra il pube. Questa può essere perfettamente nascosta anche da uno slip di ridotte dimensioni.

addominoplastica lifting addominale

QUALI SONO LE TIPOLOGIE DI INTERVENTO PER L’ADDOME?

Ci sono due tipologie di intervento per l’addome e, a seconda della gravità, si esegue o una mini addominoplastica o una addominoplastica completa. La prima è meno invasiva e presenta costi ridotti. La cute e tessuti sottostanti sono “scollati” solo tra l’incisione soprapubica, più corta, e l’ombelico, senza trasporre quest’ultimo. Sarà poi effettuata una “plicatura” (riaccostamento) dei muscoli retti. Nella maggior parte dei casi, questo intervento è associato ad una Lipoaspirazione della zona addominale e laddove richiesto sarà possibile praticare anche un rimodellamento dei fianchi, oltre a quello dell’addome.

Il dolore è generalmente di modesta entità e ben controllabile con i consueti farmaci analgesici disponibili, sia in clinica, che a casa. In caso di mini-Addominoplastica, ridotte anche le medicazioni: i punti di sutura sono solo interni e viene consigliato solo l’uso di una guaina compressiva per 4 settimane.

Per l’Addominoplastica tradizionale, alla fine dell’intervento, è applicata un’abbondante medicazione compressiva, che sarà cambiata in genere dopo 4-5 giorni dall’assistente chirurgo. In questa occasione, verranno applicate delle medicazioni ridotte, rinforzate però da una guaina di supporto. I punti verranno rimossi dall’assistente chirurgo, di solito, in parte dopo 6 giorni ed infine alla 12/15a giornata dall’intervento.

PERIODO DI GUARIGIONE DOPO UNA ADDOMINOPLASTICA

Dopo l’intervento, si richiede riposo per 24-48 ore. Per alcuni giorni, la sensazione di tensione sull’addome obbligherà a una postura “piegata in avanti”, e la tosse, lo starnutire e tutte le altre attività che prevedono tensione sui muscoli addominali potranno provocare senso di fastidio e modesto dolore.

QUANTO COSTA RIFARE L’ADDOME?

Il costo è omnicomprensivo (sala operatoria, onorario anestesista, onorario chirurgo, compensi staff medico e paramedico, presidi medici, materiali, varie e diverse, day hospital o degenze, quando indicate, compresa I.V.A., ove applicabile) ed include sempre visita pre-operatoria con l’anestesista, presenza costante e contemporanea di anestesista (dotato di tutti i più moderni strumenti di monitoraggio ed intervento), aiuto chirurgo e chirurgo plastico in sala operatoria durante l’intervento, reperibilità dell’equipe per le prime 24 ore, così da garantire il massimo livello di sicurezza, medicazioni e controlli post-operatori successivi. Il tuo intervento di Addominoplastica, con Lifting dell’Addome, ha un prezzo che parte da 4.900 Euro.

DURATA INTERVENTO

La durata dell’intervento è di 2-3 ore a seconda del tipo di tecnica utilizzata, eventuale associazione con liposuzione o driposizionamento della muscolatura oltre alla cute.

Come tutti gli interventi chirurgici, potrebbero verificarsi delle complicanze sia legate all’anestesia che all’intervento chirurgico. Esse sono comunque risolvibili e non pregiudicano il risultato finale.

Giacomo Urtis

Una vita piena di Bollicine a tutti!
Spread the love
BOLLICINE VIP